chiese

Basiliche, santuari, abbazie e cattedrali... il nostro territorio è costellato dalla presenza di chiese. Dalla semplice cappelletta rurale al più ampio e maestoso duomo, ciascuna con una storia da raccontare e un tesoro da custodire.


Chiamata “la Rossa” per via del mattone che la caratterizza e per distinguerla dalla chiesa della Madonna del Casoretto, detta “Bianca”, la chiesa di S. Maria Assunta di Crescenzago è un piccolo gioiello nascosto in uno degli angoli più interessanti e al tempo stesso sottovalutati di Milano. A pochi passi dal famigerato viale Padova, vi portiamo a conoscere un frammento di città sospeso tra le origini medievali e le ville del Naviglio Martesana, ultimo ricordo di quella che fu la “riviera di Milano”.
per saperne di più...
Tra le più antiche chiese di Milano, la basilica di Sant’Eustorgio è una delle più amate, teatro ogni anno della celebre rievocazione del corteo dei Magi e protagonista degli ingressi dei nuovi arcivescovi in città. Custodisce importanti tracce del primo Rinascimento locale, tra cui l’arca di San Pietro Martire di Giovanni di Balduccio e la Cappella Portinari affrescata da Vincenzo Foppa.
per saperne di più...
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA E PAGAMENTO ANTICIPATO ENTRO IL 22/10
La città di Monza custodisce uno dei tesori più ricchi dell’oreficeria longobarda, nato come dono della Regina Teodolinda alla basilica da lei stessa fondata, e accresciuto nel corso dei secoli da numerose e generose donazioni.
per saperne di più...
In un incontaminato angolo di campagna lombarda sorgeva un antico monastero medievale con una chiesa del XII secolo. Oggi del monastero resta il ricordo, la chiesetta, con i suoi mirabili affreschi, è invece ancora visitabile e straordinariamente aperta per noi.
per saperne di più...
La basilica di Santa Maria della Passione è la seconda chiesa più vasta di Milano dopo il Duomo. Famosa per i rari organi seicenteschi affrontati, nacque grazie alla cessione dei terreni da parte di un nobile locale alla Congregazione Lateranense. Conobbe il suo periodo di maggior splendore tra XVI e XVII secolo e conserva ancora la splendida sala capitolare con ricche decorazioni pittoriche attribuite a Bergognone.
per saperne di più...
Visita alla monumentale Villa Antona Traversi di Meda, già monastero femminile di San Vittore, progettata dagli architetti Leopoldo Pollack e Pelagio Palagi nei primi decenni del secolo XIX. Il percorso toccherà il chiostro dell'edificio, le principali sale della villa, ristrutturate all'inizio del secolo XIX, l'archivio storico dell'edificio e comprenderà anche la chiesa di San Vittore, capolavoro dell'arte cinquecentesca.
per saperne di più...
Conosciuta anche come “la cappella Sistina di Lombardia”, la chiesa di San Maurizio è un vero e proprio scrigno di tesori artistici. Legata alle antiche radici della città (sorge infatti sui resti del circo romano), con la ricostruzione cinquecentesca si dota di un’architettura maestosa che fin dall’inizio viene concepita per essere interamente rivestita e decorata da affreschi, cornici e iscrizioni (tra i quali autentici capolavori di Bernardino Luini e dei suoi figli), facendosi custode di quasi un secolo di pittura lombarda.
per saperne di più...
In località Brugora, frazione Montesiro, sorge il più importante complesso architettonico religioso besanese, eretto nel secolo XI dalla Famiglia Casati. Il complesso ospitò sino alla fine del ‘700 un florido Monastero benedettino femminile, poi soppresso; oggi è adibito a casa di riposo per anziani.
per saperne di più...
Un itinerario ricco e completo per scoprire il centro storico di Monza, sede del regno Longobardo ai tempi di Teodolinda e città regia che custodisce la preziosa "Corona Ferrea". Il percorso toccherà alcuni dei monumenti più significativi della ricca città brianzola, tra cui il Duomo e il suo museo, l'Arengario e i palazzi liberty del centro storico.
per saperne di più...
Un percorso alla scoperta di una delle più belle chiese di Milano, custode di un grande capolavoro dell’arte rinascimentale, la Cappella Portinari: un’architettura concepita secondo un linguaggio nuovo e rivoluzionario e affrescata da Vincenzo Foppa con le storie di “san Pietro Martire”, oggi accoglie anche una preziosa arca marmorea capolavoro di Giovanni di Balduccio.
per saperne di più...
Presso il rinnovato borgo di Camuzzago sorge ancora oggi l'antica chiesa, fondata assieme ad un fiorente monastero nel cuore del medioevo dai Canonici del Santo Sepolcro e dedicata a Santa Maria Maddalena. Dopo il passaggio del complesso in gestione ai benedettini, le pareti interne dell'antica chiesa romanica si rivestono di immagini: l'artista Bernardino Butinone da Treviglio realizza un affascinante ciclo pittorico dedicato alla leggenda della Santa dedicataria, lasciando una testimonianza preziosa dei suoi ultimi anni di attività e dando forma ad un raffinato programma iconografico.
per saperne di più...
Il capolavoro milanese di Leonardo da Vinci, la sua opera forse più celebre e al tempo stesso misteriosa, è dipinto su una parete del refettorio domenicano di Santa Maria delle Grazie.
Pochi passi più in là, un altro maestro del Rinascimento, Donato Bramante, ha realizzato una superba tribuna secondo un nuovo modo di concepire l'architettura. Una visita nel cuore del Rinascimento a Milano, tra Leonardo e Bramante.
per saperne di più...
Il borgo di Agliate conserva uno degli esempi più belli del romanico in Brianza, un complesso di basilica e battistero dall'insolita pianta a nove lati a due passi dal Lambro, che scorre qui in uno dei suoi tratti più incantevoli.
All' interno si possono ammirare la solennità delle navate, gli antichissimi capitelli, i resti di un importante ciclo di affreschi con scene dell'Antico e del Nuovo Testamento e la cripta perfettamente conservata.
per saperne di più...
Ludovico il Moro, signore di Milano, fu instancabile sostenitore degli artisti che resero grande Milano nella seconda metà del Quattrocento e trasformò il ducato in uno degli stati più potenti della Penisola. Questo itinerario porta a scoprire da vicino i grandi capolavori custoditi nel Castello Sforzesco e quelli commissionati all’architetto Donato Bramante: la maestosa tribuna di Santa Maria delle Grazie e la straordinaria chiesa di Santa Maria presso San Satiro.
per saperne di più...
Partendo dalle chiese più antiche, la basilica di Sant'Ambrogio, luogo di culto tra i più amati dai milanesi di tutte le epoche e dedicato a una delle personalità più influenti nella storia della città, si prosegue verso la Loggia degli Osii, centro del potere nel primo Medioevo, fino al più spettacolare monumento di epoca gotica di tutta la Lombardia: il Duomo di Milano.
per saperne di più...
I primi Signori di Milano furono i Visconti, che dominarono sulla città per oltre un secolo fino alla inevitabile cessione del ducato alla dinastia degli Sforza. Prima di perdere la città, lasciarono in essa un segno tangibile del loro potere con la fondazione del Duomo e della chiesa ducale di San Gottardo in Corte. Il tempo degli Sforza fu quello del massimo splendore della corte milanese e della sua sede, il Castello Sforzesco: luogo di manifestazione delle novità artistiche rinascimentali, centro culturale e mondano della città fino all'occupazione francese.
per saperne di più...
La basilica di Sant'Ambrogio, fondata dal patrono milanese nel IV secolo, è una delle chiese più antiche di Milano. Nel suo aspetto attuale rappresenta una delle migliori espressioni del romanico lombardo, di cui rispetta i canoni più tradizionali.
Al suo interno risplendono lo straordinario altare d'oro di Vuolvinio e i preziosi mosaici paleocristiani del sacello di San Vittore in Ciel d'Oro, mentre nella cripta sono conservate le spoglie dei Santi Ambrogio, Gervaso e Protaso.
per saperne di più...
Il sottosuolo di Milano pullula di luoghi affascinanti e misteriosi.
Venite con noi a scoprire il fascino sotterraneo della città: dalle tracce archeologiche di antiche chiese e battisteri paleocristiani, alle cripte di basiliche ormai distrutte e ricche di storia.
per saperne di più...
Art-u Associazione Culturale

via del Borgo 12, 20882 Bellusco (MB)
C.F. 94053710151 P.I. 08182460967
T. + 39 331 70 63 429
info@artuassociazione.org